Vademecum del Golfista Neofita

Il gioco del golf è, almeno inizialmente, una attività ludica bellissima, che coinvolge e fa entusiasmare milioni di persone in tutto il mondo.

In una fase successiva può comunque anche diventare un’attività sportiva agonistica a vari livelli, a seconda delle proprie capacità e del tempo che ad esso si dedica.

Il fondamento di questo gioco è il cosiddetto “swing”, cioè il movimento che si effettua per colpire la pallina e mandarla verso l’obiettivo desiderato.

A differenza di altri sport, la conoscenza dei fondamentali dello swing è condizione indispensabile per poter cominciare a giocare.

E’ per questo motivo che la Federazione Italiana Golf, attraverso i suoi Organi Periferici (Comitati e delegati Regionali) o tramite i Circoli ad essa affiliati, organizza dei corsi propedeutici alla conoscenza dello swing.

In realtà vi sono anche altri aspetti altrettanto importanti che bisogna conoscere e che possiamo riepilogare nei seguenti punti principali:

– Sicurezza

– Tutela del Campo

– Conoscenza delle regole di gioco

Fatta questa doverosa premessa, passiamo ora a vedere quali sono i passaggi principali che ci porteranno a diventare un golfista completo.

TESSERARSI ALLA FEDERAZIONE ITALIANA GOLF
Il tesseramento alla FIG è il primo atto che dobbiamo compiere ed ha una grande importanza per il
neofita in quanto, grazie alla tessera federale, otteniamo i seguenti obiettivi:
a) Possiamo entrare in tutti i Circoli di Golf Affiliati e Aggregati di tutta Italia.
b) Siamo assicurati, attraverso una polizza che la FIG stipula con una apposita Compagnia, contro quei danni derivanti dallo svolgere l’attività sportiva.
c) Abbiamo l’accesso ai corsi, sia teorici che pratici, che la FIG organizza.
Per tesserarci ci possiamo rivolgere a qualsiasi Circolo di Golf che ha aderito alla Campagna di “Tesseramento Libero”,  senza l’obbligo di diventarne Soci di un Circolo per ottenere il tesseramento.
E’ importante individuare un Circolo anche perché è presso queste strutture che vengono tenuti i corsi FIG. Inoltre presso i Circoli possiamo accedere, se lo vogliamo, anche a tutta una serie di servizi che esso mette a nostra disposizione.
Alla luce di queste considerazioni si intuisce facilmente che è preferibile rivolgersi ad un Circolo vicino e che abbia strutture adeguate alle nostre aspettative.
Una volta individuato il Circolo, la prima cosa da fare è presentarsi alla Segreteria dello stesso, chiedendo di essere tesserato alla FIG, quindi chiedere quali iniziative sono previste per i neofiti.
Otterremo ovviamente tutte le spiegazioni necessarie per poter effettuare le nostre scelte.

FREQUENTARE UN CORSO TEORICO / PRATICO DI AVVIAMENTO
Quasi tutti i Circoli, o indipendentemente o attraverso la FIG, organizzano corsi di questo genere, di solito di carattere collettivo ed a costi molto bassi.

DELEGAZIONE REGIONALE SARDEGNA
Durante questi corsi, oltre ad imparare a colpire la pallina, ci verranno insegnate tutta una serie di norme per la sicurezza, propria e degli altri, di comportamento/etichetta su un campo da golf, ed infine i primi rudimenti delle regole del golf.
Dopo il corso collettivo è consigliabile prendere alcune lezioni individuali per migliorare ed affinare la propria tecnica.

LA CARTA VERDE
Dopo alcune lezioni individuali, il cui numero è variabile in funzione sia della nostra predisposizione al golf, sia in funzione dell’impegno che ci mettiamo, otterremo dal Maestro che ci ha seguito l’autorizzazione ad andare in campo, ovvero la “Carta Verde”.
Con la Carta Verde potremo avere l’accesso ai percorsi di golf italiani per giocare, da soli o con amici, la nostre prime partite di golf.
Con questo tipo di abilitazione non potremo però partecipare a gare, in quanto per questo occorre un’abilitazione di livello superiore.

ABILITAZIONE ALLE GARE
L’abilitazione alle gare si ottiene partecipando ad un corso di circa mezza giornata, nel quale vengono approfondite le regole del golf più importanti, che nel frattempo dovremmo già aver studiato, meglio se in compagnia di amici.
Al termine del corso saremo sottoposti ad un quiz, piuttosto semplice, che servirà a verificare la nostra conoscenza, seppur minima, delle regole del golf.
Con l’esito positivo del quiz, abbiamo ottenuto la qualifica di giocatore NC e quindi l’autorizzazione a partecipare a quelle gare aperte anche o solo ai giocatori NC.

ACQUISIZIONE DEL VANTAGGIO (HANDICAP)
Il Vantaggio o Handicap si acquisisce solo in gara, per cui parteciperemo alle gare aperte agli NC per raggiungere il nostro obiettivo.
Quando nel corso di tali gare otterremo il risultato minimo indispensabile, ci verrà attribuito un Handicap di gioco ed a quel punto potremo partecipare a tutte le gare, salvo limitazioni per gare particolari.
Per concludere vogliamo aggiungere che gli ultimi 2 passaggi che abbiamo illustrato, e cioè:
L’abilitazione alle gare
L’acquisizione del Vantaggio
Sono prerequisiti necessari solo se si intende partecipare a gare, ma non sono affatto richiesti nel caso si voglia semplicemente giocare a golf, magari con amici, per pura attività ludica.

NOTE VARIE
Il Golf, uno sport fantastico, è l’appropriato slogan per attrarre la curiosità ed il desiderio di provare da parte di nuovi appassionati.
Il Golf è nel mondo lo sport più praticato ed è in costante crescita. In Italia abbiamo toccato i 100.000 tesserati, con la Sardegna che ne conta 1.214 ed attende che gli sviluppi della nuova Legge Regionale sul Golf diano un deciso impulso a questo splendido sport.
Tesserati certamente, ma soprattutto tanti, tantissimi turisti golfisti, sempre alla ricerca di nuovi campi e di nuove location dove sfogare la propria insaziabile passione e la Sardegna, con 15-20 campi di golf , diverrebbe subito una meta particolarmente ambita.
Con un 2011 che si chiude con numeri abbastanza positivi e con un 2012 che si sta per affacciare con prospettive di grande interesse, il Golf si candida, soprattutto in Sardegna, ad essere la disciplina sportiva dell’anno.

Close